La cultura del lavoro e l’associazione come costruzione comune: 27 settembre 2011


Ho progettato per conto di CNA, Associazione provinciale Milano Monza-Brianza, un convegno destinato a rilanciare l’attività dell’associazione.
Questo il tema:
Milano è stata, e può essere ancora, la ‘capitale del lavoro’.
Piccola impresa, microimpresa e auto imprenditorialità indicano lastrada: l’orgoglio di chi vive della propria attività indipendente, di chisi fonda sulla propria capacità professionale e tecnica, di chi innovaquotidianamente senza farne proclami, è fonte di speranza ed esempio per tutti. Questo tessuto sociale e produttivo merita attenzione e supporto. E’ qui che può entrare in gioco l’associazione.
Associazione intesa come sostegno reciproco, luogo di condivisionedi esperienze e di conoscenze. Ma anche associazione capace didarsi forma e di crescere al di fuori di modelli precostituiti, attentaalle esigenze, ai bisogni, pronta a cogliere gli stimoli dell’ambiente.
Associazione orientata a rendere possibile -per coloro che scelgonodi associarsi- il fare insieme ciò che non è possibile fare da soli.
Associazione che vuole contribuire al progresso economico esociale della nostra città.

Sono interventi:

Lauro Venturi – Commissario e CEO CNA Milano – Monza-Brianza
Diventare grandi restando piccoli: la sfida di una nuova associazione di rappresentanza per l’imprenditoria diffusa
Gianluca Bocchi – Storico delle idee, Università di Bergamo
Milano verso Berlino, ovvero: città immobile o fabbrica di multicultura
Guido Tassinari – Operatore sociale, rete indi.Genti
Le nuove forme di lavoro sperimentate sulla pelle dei precari e degli immigrati
Francesco Varanini – Direttore di Persone & Conoscenze
Il lavoro, le conoscenze e i vantaggi dell’associzione
Ivan Malavasi – Presidente Nazionale CNA, Portavoce Rete Imprese Italia
Considerazioni finali

Qui trovate la locandina.