Ascesa e tramonto del Data Base


Nel Convegno Elogio della ridondanza. Ovvero cosa sono i Big Data e perché servono davvero a chi si occupa sul serio di Marketing ho inquadrato il tema cercando di ricostruire il percorso che ha portato dal’utilizzo accurato di Data Base relazionali alla Business Intelligence, e quindi -attraverso una significativa discontinuità- a lavorare con dati destrutturati o semistrutturati.

Questa la sintesi del mio intervento, che estraggo dal programma dell’evento:
Dagli Anni Sessanta del secolo scorso, generazioni diverse di Data Base Management System hanno offerto al marketing strumenti ricchi di opportunità, ma anche gravati da vincoli. Per lunghi anni chi si occupa di marketing è stato costretto ad accettare il fatto che fossero conservabili ed utilizzabili solo poche informazioni, predefinite ed accuratamente selezionate. In anni recenti, si è rovesciata la prospettiva: conservare tutto, anche ciò di cui non si riesce ad immaginare oggi l’utilità, ordinare di volta in volta le informazioni in funzione di uno scopo.

Il Convegno ha avuto due edizioni, una a Milano ed una a Roma. A Milano non ho potuto partecipare, sono quindi stato sostituito da questo video.